Chat with us, powered by LiveChat

Newsletter_22 del 09.08.2017

Newsletter_22 del 09.08.2017

Inviata a 7497 contatti

L’Agcm multa Fly Go Voyager, il noto sito di prenotazioni voli

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato torna a sanzionare Fly Go Voyager, un sito web di prenotazione voli, per pratiche commerciali scorrette.
Già punita nell’ottobre 2016 con una multa da 500mila euro, l’agenzia ha continuato in due su tre delle condotte ingannevoli segnalate, ignorando la precedente diffida dell’Antitrust e meritandosi quindi la nuova sanzione, stavolta da 550mila euro.
Due le condotte scorrette reiterate da Fly Go nonostante la precedente delibera e diffida dell’Antitrust.
Innanzitutto l’utilizzo ingannevole dei segni distintivi di Ryanair, Wizz Air e Blue Air all’interno di annunci pubblicitari diffusi su Google, senza impiego di elementi informativi idonei a far comprendere che il reale inserzionista fosse Fly Go Voyager: in pratica, sono stati utilizzati claims e colori che richiamano quelli dei vettori aerei inducendo il cliente a credere di essere sul sito della compagnia aerea invece che sul portale dell’agenzia turistica.
In particolare, gli annunci pubblicitari, effettuati su Google tramite il servizio AdWords, hanno continuato a riportare indicazioni, quali, ad esempio, “WizzairOnline – Ultimi posti in offerta a 19 € prenota-voli.com”; “www.wizzair.prenota-voli.com”, in assenza di chiare indicazioni circa l’effettiva identità del professionista. L’utilizzo del marchio “Prenota Voli” – ha sottolineato l’Agcm nel suo provvedimento – è troppo generico e dunque risulta inutile ai fini di una corretta comprensione del messaggio da parte del consumatore, rivelandosi del tutto inefficace a chiarire le caratteristiche di intermediazione del servizio svolto da Fly Go Voyager srl., e l’identità del professionista.
In secondo luogo, è stata sanzionata nuovamente la mancanza di chiarezza e completezza informativa relativa ai prezzi dei servizi pubblicizzati: il professionista – ha accertato l’Agcm – ha continuato a presentare in modo parziale il prezzo del servizio ai consumatori, scorporando le spese richieste per la propria attività di intermediazione. Rispetto al prezzo inizialmente proposto, infatti, i consumatori si vedono addebitare la “quota di gestione” solo in una successiva schermata.

“Realizzato nell’ambito del Programma generale d’intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2015”

Share

La tua opinione è importante per monitorare la qualità dei servizi pubblici regionali.

Compila i nostri questionari anonimi.

A fine anno sul nostro sito verranno pubblicati i risultati definitivi di ogni monitoraggio.