Chat with us, powered by LiveChat

Newsletter_24 del 30.09.2017

Newsletter_24 del 30.09.2017

Inviata a 7497 contatti

Lavorare troppe ore in piedi può causare tanti danni quanto il fumo.

Secondo uno studio dell’Istituto di salute e lavoro canadese, pubblicato sull’American journal of epidemiology, lavorare in piedi per molte ore fa male alla salute: raddoppierebbe infatti il rischio di malattie cardiovascolari, tanto quanto il fumo.
Per realizzare tale studio i ricercatori hanno analizzato per 12 anni le abitudini lavorative di 7.000 abitanti dell’Ontario, osservando che chi stava in piedi al lavoro aveva sviluppato un rischio doppio di avere malattie cardiache, rispetto a chi trascorreva la giornata seduto.
“L’incidenza di malattie cardiache tra i partecipanti allo studio, che trascorrevano molto tempo in piedi al lavoro, è stata del 6,6%, simile a quella dei lavoratori che fumano ogni giorno, che è del 5,8%, o di chi è obeso, che è del 6,9%”, commenta l’autore dello studio, Peter Smith.
Stare in piedi per ore aumenta infatti la pressione sulle vene, amplificando lo stress ossidativo, che può contribuire ad una maggiore probabilità di malattie cardiache, oltre a provocare dolore cronico alla schiena e problemi alle ossa e ai muscoli delle gambe. Tra i lavoratori più a rischio da questo punto di vista ci sono cassieri, commessi, cuochi e operatori sanitari.
Secondo Smith, i datori di lavoro dovrebbero concentrarsi su programmi di benessere dedicati a chi deve stare in piedi molte ore, così come per i fumatori. Per chi non può evitare di stare in piedi, il consiglio è di fare regolarmente esercizi di stretching durante le pause per rilassare i muscoli. L’ideale sarebbe alternare periodi seduti ad altri in piedi.

“Realizzato nell’ambito del Programma generale d’intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2015”

Share

La tua opinione è importante per monitorare la qualità dei servizi pubblici regionali.

Compila i nostri questionari anonimi.

A fine anno sul nostro sito verranno pubblicati i risultati definitivi di ogni monitoraggio.