Chat with us, powered by LiveChat

Newsletter_3 del 28.04.2017

Newsletter_3 del 28.04.2017

Inviata a 4797 contatti

Etichettatura, la Francia introduce i “5 colori”

Cinque insegne della grande distribuzione francese si sono impegnate ad utilizzare l’etichetta Nutri-Score per i propri prodotti. Intermarché, Leclerc, Auchan e Fleury Michon l’hanno annunciato ieri nel corso di una conferenza stampa a cui ha partecipato anche il ministro Marisol Touraine. Danone, pur non essendo presente all’incontro, ha dato il suo appoggio all’iniziativa.
A marzo scorso, dopo un periodo di sperimentazione durato 10 mesi, i francesi hanno scelto, tra 4 diversi sistemi di etichettatura, quello Nutri-Score, una scala di cinque colori dal rosso al verde che indicano 5 categorie di punteggio sulla base del contenuto di calorie, zuccheri, grassi saturi e sale per 100 grammi di prodotto. Il giudizio si basa sull’insieme dei principali ingredienti che non vengono indicati singolarmente. La lettera A, associata al colore verde scuro, indica la valutazione migliore, mentre la lettera E abbinata al colore rosso indica la peggiore.
I firmatari si impegnano in maniera volontaria ad apporre l’etichetta a 5 colori sui loro prodotti. Nel frattempo, il governo francese ha notificato alla Commissione europea l’esito della sperimentazione: l’esecutivo dovrà decidere, entro il mese di luglio, la conformità dell’etichetta Nutri-Score alla normativa europea.

Sicurezza in auto: nel 2017 addio alle “alzatine”

Importanti novità sono state introdotte nel 2017 per quel che riguarda la sicurezza in auto dei bambini. La normativa 2017 per la sicurezza auto prevede che da gennaio, infatti, i rialzi possono essere omologati solo per bambini di altezza superiore a 125 centimetri. Ma attenzione: quelli già omologati possono continuare a essere venduti e, ovviamente, utilizzati.
Se ne parlava già da qualche tempo, ma ora la disposizione è ufficiale: tutti i seggiolini pensati per bambini fino ai 125 centimetri di altezza dovranno per legge avere uno schienale, in modo da rendere più agevole l’uso della cintura e rafforzare la protezione in caso di incidenti. Le informazioni che girano in rete non sono sempre esatte. Cerchiamo di chiarire la nuova normativa. Per prima cosa, resta immutato l’articolo 172 del codice della strada ‘Uso delle cinture di sicurezza e sistemi di ritenuta per bambini’, che fa riferimento all’utilizzo di prodotti omologati (dunque nella Normativa 2017 restano validi tutti i prodotti R44/04 e R129).
L’uso del sistema di ritenuta (seggiolino o alzatina) è da qualche anno obbligatorio per i bambini fino ai 150 centimetri di altezza, il che equivale circa ai 12 anni (limite che resta invariato). Fino allo scorso anno, però, erano messe in produzione anche le ‘alzatine’ (rialzi o booster), utilizzabili a partire dai 22 chilogrammi di peso (5 anni circa). Sono sedute a mo’ di cuscino, senza braccioli, che sollevano il piccolo viaggiatore di circa 10 centimetri, in modo da permettere di allacciare la normale cintura di sicurezza.

“Realizzato nell’ambito del Programma generale d’intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2015”

Share