Chat with us, powered by LiveChat

Newsletter_7 del 30.05.2017

Newsletter_7 del 30.05.2017

Inviata a 7497 contatti

Dual Quality: stesso marchio, composizioni diverse

Noti marchi internazionali del food&beverage vendono prodotti con standard composizionali e qualitativi diversi sotto lo stesso marchio, in apparenza del tutto uguali, , soprattutto nei paesi dell’Est Europa, laddove vi è un minore potere di acquisto dei consumatori.
Sebbene si riconosca che il problema in sé non è motivo di preoccupazioni per la sicurezza alimentare e seppure lo stesso status di “frode alimentare” non sia così chiaramente definito, la “dual quality”, ovvero, la differente modalità produttiva- come standard di quailtà ma anche come ricette di prodotti alimentari formalmente con lo stesso marchio e nome è da qualche tempo un problema emergente in ambito UE.
Questo crea un crepa non solo nelle politiche a tutela dei diritti contrattuali dei consumatori, ma anche una frammentazione ingiustificata del mercato interno, con diversi standard di qualità a seconda dei paesi.
E un danno alla salute delle popolazioni dell’est Europa, che si vedono offrire alimenti dal più scarso contenuto qualitativo.
Repubblica-Ceca, Slovacchia e Ungheria stanno in tal senso proponendo una legislazione europea che armonizzi il più possibile i prodotti venduti nei diversi paesi, ricalcando almeno in parte quanto accaduto entro la pregressa giurisprudenza UE, che con una sentenza (“Principio Smanor” 14/7/1988, C-298/87,), ha dichiarato che le differenze qualitative tra due prodotti (generici stavolta) con lo stesso nome commerciale debbano essere minime e non in grado di pregiudicare l’uguale utilizzo degli alimenti.

“Realizzato nell’ambito del Programma generale d’intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Ripartizione 2015”

Share